Membrana Epiretinica (o Pucker Maculare): Cos’è e cosa fa l’Oculista per curarlo

Cos’è il Pucker Maculare?

Per “pucker maculare” si intende una condizione patologica nella quale uno strato di tessuto cicatriziale si viene a formare sulla porzione più nobile e funzionalmente importante della retina: la macula.

Un pucker maculare può causare una visione centrale sfocata e distorta, e di solito si verifica nelle persone di età superiore ai 50 anni. Il pucker maculare è anche chiamato membrana epiretinica, membrana preretinica, maculopatia a cellophane o fibrosi premaculare.

DA COSA è CAUSATO IL PUCKER MACULARE?

A livello del polo posteriore del globo oculare si trova una sostanza gelatinosa (corpo vitreo) che aiuta l’occhio a mantenere una forma rotonda. Quando invecchiamo, il corpo vitreo tende a collassare su se stesso e si allontana dalla superficie retinica. Questo processo prende il nome di “distacco del corpo vitreo” ed è molto comune.

Tuttavia, a volte accade che durante questo processo qualcosa vada storto e si inneschi un processo patologico.

Infatti, può accadere che mentre il corpo vitreo collassa, anziché allontanarsi semplicemente dalla superficie retinica, trazioni quest’ultima con sé, lesionandola.

Quando ciò accade, la retina inizia un processo di guarigione dell’area danneggiata e forma uno strato di tessuto cicatriziale chiamato appunto “membrana epiretina”. Questo tessuto patologico è saldamente adeso alla superficie della retina. Quando esso si contrae (come sempre accade alle cicatrici), provoca una distorsione della retina, che si raggrinzisce fino talvolta a rompersi (foro maculare).

Nonostante la maggior parte dei pucker maculari sia semplicemente correlata all’invecchiamento, questa condizione può anche essere causata, per esempio, da traumi oculari, distacco di retina, infiammazione dell’occhio (uveite), retinopatia diabetica e in generale da malattie a carattere infiammatorio o degenerativo.

COME SI CURA?

L’unica terapia efficace, finalmente oggi messa a disposizione dalla scienza medica, è un intervento di chirurgia oftalmica.

Nei casi gravi, le persone con pucker maculare sviluppano problemi di vista tali da interferire con le più semplici attività quotidiane come leggere, guidare, cucinare ecc. Queste persone potrebbero avere bisogno di un intervento chirurgico. L’intervento praticato dai Medici Chirurghi Oculisti si chiama “vitrectomia con peeling della membrana epiretinica” e si esegue in anestesia locale.

La chirurgia per il pucker maculare migliora l’acuità visiva ma non la può riportare alla normalità, come se non vi fosse mai stata alcuna malattia. Solitamente, i pazienti sono in grado di riacquistare circa la metà della vista che avevano perso. Alcune persone hanno un recupero assai maggiore, altre meno. Nella maggior parte dei casi, comunque, la chirurgia cura molto bene la distorsione della vista. Inoltre, il recupero dell’acuità visiva può continuare fino a tre mesi dopo l’intervento chirurgico.

Fonti: Dipartimento di Oftalmologia (Oculistica), Columbia University.

LINK UTILE: Prof. Francesco Bandello, Medico Chirurgo Oculista, Primario della Clinica Oculistica dell’ospedale San Raffaele di Milano. http://www.corriere.it/salute/15_febbraio_26/pucker-maculare-e4886c8a-bdca-11e4-8a38-1230a4c6f057.shtml